Piovre, il film della stagione

Il ritorno del Basket Cavezzo in serie A2 è avvenuto al termine di una stagione di altissimo  profilo: dopo aver chiuso al secondo posto la regular season con un record vittorie-sconfitte di 22-2 (unici due stop: a Bologna dopo un tempo supplementare, e a Faenza con uno scarto di 2 punti) le Piovre nei playoff hanno compiuto un percorso netto, superando per 2-0 la Pallacanestro Bolzano nei quarti di finale, per 2-0 il Milano Basket Stars in semifinale e per 2-0 la Pol. Galli San Giovanni Valdarno in finale.

Casa dolce casa. Il parquet amico di via Cavour è rimasto imbattuto per la seconda stagione consecutiva dalla riapertura post terremoto (settembre 2015). Al netto della sospensione dell’attività (stagione 2012-2013) e del trasferimento della sede di gioco a Carpi (stagioni 2013-2014 e 2014-2015), il Palasport è inviolato da tre campionati e mezzo a questa parte, e da sei anni e mezzo solari complessivi: l’ultima sconfitta interna è datata infatti 18 dicembre 2010: Basket Cavezzo – Juvenilia Reggio Emilia 61-76.

Un campionato combattuto. Il girone emiliano-romagnolo di serie B femminile 2016-2017 è vissuto sul duello a distanza (o per meglio dire, sul “triello”) tra Basket Cavezzo, Libertas Bologna e Scuola Basket Faenza, squadre che sono riuscite a vincere sia all’andata che al ritorno contro tutte le altre avversarie (record) togliendosi punti a vicenda solo negli scontri diretti.

Alla fine, nella volata a tre l’ha spuntata Faenza, le Piovre sono arrivate seconde e Bologna terza.

Nei tre diversi tabelloni nazionali per la promozione in A2, tutte e tre le squadre emiliane sono state promosse: Cavezzo ha vinto la finale contro San Giovanni Valdarno, Faenza contro Varese e la Libertas Bologna contro il Basket Femminile Milano. En plein emiliano-romagnolo.

Il ritorno in serie A2. Le Piovre riabbracciano la serie A2 dopo otto anni. L’ultima gara in questa categoria si giocò il 23 maggio 2009 a Cavezzo: era gara-3 di finale playoff, quando l’Acetum di coach Piatti battendo Lucca – oggi campione d’Italia, ndr – conquistò la promozione in serie A1.

Dopo quella finale si ripartì con un nuovo ciclo nei campionati regionali, preso atto che non c’erano i presupposti economici per disputare il massimo campionato italiano; poi venne il terremoto ed un altro reset obbligato; infine gli ultimi quattro anni di crescita costante, culminati con il ritorno in nei campionati nazionali ma sempre all’insegna di giocatrici “fatte in casa”. E’ questo il dato più sorprendente e peculiare della società giallonera.

Made in Cavezzo. E’ il marchio di fabbrica del sodalizio fondato quarant’anni orsono da Giancarlo Tampellini. Già ai tempi della serie A1 a metà degli anni 2000, le giocatrici italiane in organico provenivano quasi tutte dal settore giovanile; idem oggi.

La grande differenza con le altre squadre che hanno vinto i loro campionati sta proprio qui. A Cavezzo – eccezion fatta per l’epopea irripetibile targata OECE – difficilmente si “reclutano” giocatrici da fuori: si preferisce piuttosto farle crescere in casa, e si arriva fin dove loro possono arrivare, senza mai fare il passo più lungo della gamba. Il tutto richiede certamente tempo; ma con pazienza e con una dedizione incondizionata alla causa sportiva e alla cura tecnica e personale delle ragazze, alla fine i risultati arrivano. Ed oggi sono sotto gli occhi di tutti.

Piovre in TV. Nella serata di lunedì 29 maggio, in occasione delle commemorazioni per il 5° anniversario del terremoto a Cavezzo, una troupe di Sky Tv ha realizzato un servizio per Sky Sport 24, visibile sul profilo facebook ufficiale Acetum Basket Cavezzo. Ringraziamo il giornalista Fabrizio Monari e il videooperatore Lorenzo Lucchini per l’importante contributo.

Prossimamente si parlerà della squadra giallonera in tv anche su TRC nella rubrica Basket Regione.

FORZA PIOVRE !!!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>